M’ama: L’affermazione personale di Thoé

da | Gen 17, 2024 | Recensioni singoli

M’ama è il nuovo singolo di Thoé per Island Records/Universal Music Italia disponibile dal 12 gennaio. Il brano è scritto a quattro mani con Johnny Marsiglia e prodotto da Faffa che riesce, grazie a sonorità R&B e ritmiche elettro pop, a creare la giusta cornice per il racconto dell’artista.

Un racconto emotivo, incalzante, personale che esplode nel ritornello: un quesito diretto e urlato che fa emergere l’urgenza e il bisogno di affermare la propria identità personale.

M’ama

Ci tieni o no

M’ama

Ci pensi a noi

M’ama

Dimmi solo che

Non ho rubato tempo alle tue mille vite

Dopo i singoli Futurama, Fiori stanchi e Sobrio, Thoé ci presenta questo nuovo brano intenso, capace di arrivare al cuore di chi lo ascolta.

M’ama parla di legami naturali, sociali e affettivi per arrivare all’affermazione della propria identità.

L’artista si racconta ed esprime le sensazioni derivanti dal presentare il proprio io senza muri o barriere; delle sensazioni in cui il dolore e la sofferenza del non essere apprezzati dalle persone amate diventano il filo conduttore di tutto il brano e che al tempo stesso sono la spinta per l’accettazione personale.

Quante domeniche in quella Chiesa mamma

Pregando un Dio che non ci somiglia

L’unico uomo che mi è concesso amare

Senza sentirmi in difetto

Se torno a casa non dire a nessuno che mi sono arreso

Non ho ancora perso

Thoé sceglie di essere vulnerabile andando a utilizzare delle parole che riescono a far immedesimare il pubblico nel il suo racconto.

“È difficile abbattere i muri anche e soprattutto con le persone a cui tieni di più, ma prima o poi arriva il momento in cui raccontarsi in maniera sincera diventa l’unica strada. Non sentirsi accettati, spesso per delle barriere che sono esclusivamente mentali e sociali, è una sofferenza difficile da superare. Ho scritto questo brano proprio per questo motivo, canalizzare quel dolore e quella rabbia e trarne qualcosa di positivo da condividere con chi prova o ha provato le stesse sensazioni”

L’accettazione della propria personalità è qualcosa che fa parte del percorso personale di ognuno di noi, qualcosa con cui prima o poi tutti dobbiamo fare i conti. Il fatto di non essere aiutati e capiti in questo dalle persone a cui vogliamo più bene rischia di rendere questo “viaggio” ancora più difficile e doloroso perché può far emergere il senso di vergogna per chi si è realmente.

Sono cresciuto in un mondo diviso a metà

E il mio senso di appartenenza

Dimmi se m’ami mama se è possibile quando sei figlia dell’apparenza

Sembra che il mondo non voglia che siamo noi stessi

Ma almeno tu non farmi sentire un’anima intrappolata in un corpo

Thoé con M’ama fa leva sulla sofferenza e la trasforma nel punto di partenza per andare ad acquisire la forza interiore per riuscire ad amare in primis se stessi e poi riuscire a farsi amare dagli altri per quello che si è realmente.

Articoli Correlati