SIRIO, la stella di Lazza brilla, ma non illumina

da | Recensioni album

Se volevate un disco forte, potente e di personalità Lazza non ha deluso le aspettative. Con SIRIO il rapper milanese conferma la sua voglia di entrare a far parte dell’élite del rap italiano. Di strada da fare, però, ce n’è ancora tanta.

La forza di Lazza, a prescindere che se ne apprezzi o meno lo stile, sta nel modo in cui fa le cose. I suoi lavori danno sempre l’idea di essere centrati e ben messi a fuoco, e il ragazzo classe ’94 è sufficientemente ambizioso da puntare sempre molto in alto.

Oggi sai che se scrivi “Zzala” leggi “Garanzia”

Sono passati più di due anni da J, sua ultima uscita discografica, “due anni e mezzo di scleri, di ansie, di cattive notizie, di rinvii” ha scritto l’artista su Instagram per presentare SIRIO. Tutte queste bad vibes sono ben condensate all’interno del suo quarto disco, che alterna testi intimi e introspettivi ai soliti passaggi autocelebrativi.

Cerco me stesso, però non mi trovo
Ero l’ultimo della classe, il primo in corridoio
Io vorrei sapere solo che effetto ti fa
Quando mi guardi dentro e dopo trovi il vuoto
Scusa se sono freddo come un obitorio
Ma da un po’ di tempo non faccio sogni d’oro

Questi versi sono presi dal ritornello di SOGNI D’ORO, una delle tracce migliori dell’album. Come la maggior parte dei lavori, anche questo necessita di diversi ascolti per riuscire a coglierne i lati migliori.

Tanti brani sembrano essere stati concepiti con il preciso intento di essere delle hit e bisogna sapersi destreggiare bene tra di essi per riuscire ad apprezzare le parti migliori del disco. TOPBOY è forse la canzone meglio riuscita. Vanta la collaborazione di Noyz Narcos e già questo le dà una spinta in più, ma a valorizzare la parte del rapper romano è anche il modo in cui entra sulla traccia. La terza strofa, infatti, non è separata dalla precedente dal classico ritornello e questo rende ancora più di impatto il suo ingresso.

L’album, come dicevamo, perde vigoria in alcune di quelle tracce concepite per essere delle hit. Non è il caso di PIOVE con Sfera Ebbasta che ha un beat potentissimo ed è destinata ad avere un grande successo non per la sola presenza dell’artista di Cinisello. Anche i featuring internazionali, Tory Lanez in BUGIA e French Montana in PUTO, fanno la loro parte e danno un contributo importante al disco, a differenza di altri casi in cui gli artisti di oltreoceano vengono sfruttati solo per ragioni di marketing. Non che qui non siano stati fatti ragionamenti di quel tipo, ma almeno le tracce sono ben riuscite.

Il livello si abbassa nei pezzi che strizzano l’occhio alla reggaeton e che presentano dei ritmi più latineggianti, come CINEMA e SENZA RUMORE.

La collaborazione con Takagi e Ketra invece coincide con il pezzo che probabilmente sentiremo di più nelle radio, PANICO. È un brano puramente pop dove Lazza si diletta con il canto, una novità che potrebbe dividere gli ascoltatori. Tutti questi dettagli, dalle collaborazioni scelte alle sonorità che accompagnano l’intero disco, ci dicono che SIRIO è un album perfettamente in linea con i tempi moderni e che ha buone chances di fare numeri importanti. D’altro canto, però, le punchline vere e proprie vengono un po’ sacrificate e trovano meno spazio rispetto al solito.

Il disco vive diversi momenti. La parte finale è sicuramente quella più intima, dove Lazza si lascia andare anche dal punto di vista sentimentale. In USCITO DI GALERA si rivolge direttamente a una donna mostrando i suoi dubbi e le sue paure in ambito amoroso: “Tu mi vorresti innamorato perso, io penso che da innamorato ho perso”. Se è vero che i versi d’amore non sono mai stati il forte dei rapper, Lazza resta fedele al suo modo rude di esprimere i sentimenti: “Vorrei scoparti come appena uscito di galera”.

In un momento storico in cui tutti i big del rap italiano sono usciti con il proprio disco è chiaramente più difficile spiccare. La bravura di Lazza è quella di riuscire comunque a farsi notare anche in questo contesto, ma la sua SIRIO non è di certo la stella più luminosa.

Articoli Correlati