Lupin è di nuovo scappato e Tommaso Paradiso è tornato quello di sempre

da | Recensioni singoli

C’è un po’ di Fuoricampo in questo Tommaso Paradiso versione 2022, quello che a marzo toccherà lo spazio siderale con il suo primo album da solista, Space Cowboy. Lupin è un tramite per raggiungere quelle stelle, quel firmamento fatto di note e parole nel quale Tommaso Paradiso, quando vuole, dimostra di sapersi ritagliare il suo spazio.

Lupin è un brano che riporta a quelle atmosfere di fine anni Ottanta e inizio anni Novanta, dove i social non esistevano e le paturnie le si smaltiva per strada, in macchina sfrecciando con la radio con il volume a cannone (Magari no vi ricorda qualcosa, ndr), oppure seduti in piazza di notte con una birra ghiacciata a farci compagnia.

Oggi sono stato bene
sono stato bene anche da solo
con il pianoforte e mille cose in testa
che non mi deludono mai
che non mi abbandonano mai

Si avverte quella voglia di tornare indietro per fare due passi in avanti, scrollarsi di dosso l’etichetta di una band che non tornerà più. Raccontare se stesso per parlare degli altri, questa capacità va riconosciuta a Tommaso Paradiso.

Parlare di cose comuni, cose di tutti, cose che potremmo vivere o che abbiamo vissuto perché vere, semplici, essenziali, come lo star male o lo star bene, che sono da sempre due facce della stessa medaglia.

In un film che amo, I Origins, Sofi, la donna che ha fatto innamorare il protagonista Ian Gray, narra di una particolare capacità di un tipo di uccelli, i fasianidi:

– Tu lo sai che cosa sono i fasiani?
– No. Cosa sono?
– Uccelli.
Uccelli che provano tutte le emozioni in un solo istante.
Quando cantano esprimono amore e rabbia e paura e gioia e tristezza tutto insieme, mescolato in un unico suono magnifico! Quando gli capita di incontrare l’amore della loro vita sono al tempo stesso felici e tristi. Felici perché capiscono di essere di fronte all’inizio, ma tristi perché in fondo sanno che è già finita.

Vivere di momenti, senza badare troppo al domani, mordendo quello che abbiamo tra le fauci come se fosse l’ultimo succoso boccone del mondo. Forse solo così non saremo come Lupin, forse solo così non scapperemo di nuovo, forse solo non resteremo ancora delusi.

Magari no, La stagione del Cancro e del Leone, oggi Lupin: il cowboy spaziale che parte da Roma ha deciso di far decollare l’hype in attesa di marzo.

Oggi siamo stati bene, da soli, con la tua musica.

Grazie Tommaso!

Articoli Correlati