“Nella tana del mostro” è la metamorfosi di Roshelle

da | Mar 10, 2023 | Recensioni singoli

Il singolo Nella tana del mostro segna il ritorno di Roshelle, cantautrice 27enne, conosciuta per aver partecipato nel 2016 ad X Factor nel roster di Fedez classificandosi quarta. Poco dopo ha iniziato molte collaborazioni con cantanti affermati nel panorama musicale italiano come Don Joe, Emis Killa, Guè e Mecna.

Oggi è pronta a tornare con Nella tana del mostro che segna un nuovo inizio per la cantante: infatti, anche il suo profilo Instagram sembra accogliere una nuova Roshelle.

Tre post che precedono la pubblicazione della canzone preparano il pubblico a un ritorno, un ritorno completamente diverso. I post ripercorrono in pochissimi secondi la sua carriera artistica, da X Factor ai featuring, fino al cammino verso un nuovo percorso con uno stile diverso e completamente rinnovato.

È con un semplice video recap accompagnato da un “Ciao, sono tornata” che Roshelle annuncia, una settimana prima dell’uscita, l’inizio di qualcosa di inaspettato.

Il singolo Nella tana del mostro, prodotto da Alessandro Gemelli, è uscito venerdì 10 marzo su tutte le piattaforme digitali per Island Records/ Universal Music Italia, delineando una nuova traiettoria artistica.

Questo viaggio alla scoperta di Roshelle inizia ora con una canzone che vuole annunciare la sua trasformazione, musicale e personale, e una nuova consapevolezza. Nella tana del mostro dà il via a una serie di creazioni più personali e profonde e con sonorità più dark. Il brano racconta proprio il periodo di silenzio vissuto dalla cantante lontano dai riflettori e le emozioni e sensazioni provate in un momento buio e di sconforto.

La canzone è introspettiva, oscura, proprio come la pietra onice che accompagna l’uscita del singolo e che ha stretto in questi mesi difficili, un vortice che ha portato emozioni di dolore e cambiamento.

Questa è la sua metamorfosi, l’inizio di un percorso che parte proprio dalla tana del mostro per arrivare lontano e con la consapevolezza del proprio valore personale e artistico, oltre all’aver compreso (finalmente) sé stessa.

La Playlist di Cromosomi