Quando la Roulette Russa finisce male, Tuasorellaminore è pronta a rinascere

da | Nov 29, 2022 | Recensioni singoli

Dopo Caribù, Tuasorellaminore torna con Roulette Russa, un male che serve a fare bene.

Roulette Russa arriva dopo il successo di Caribù, fuori dallo scorso 28 ottobree la pubblicazione di Killer, singolo uscito a luglio 2022 e che vede la collaborazione di Evra, cantautrice reduce da X-Factor 2016.

La producer pugliese non smette di stupirci, lanciando questa nuova mina piena di contaminazioni culturali – contenuti in tutti i suoi precedenti lavori – che come al solito mettono in risalto la sua forte identità artistica, in questo mix tra pop e rap, mai banale e per nulla scontato.

Roulette Russa è il conflitto tra la paura di sentirsi invisibili e la voglia di rimettersi in gioco

Roulette Russa è un viaggio all’interno dell’artista, è tutto quello che ha vissuto e che con fatica e ironia (vedi il riferimento a Casper nella seconda strofa) mette in musica e racconta al pubblico, a cui riesce a far arrivare la sua sofferenza a tratti velata dalla sua forte personalità. È quel dolore che scalfisce l’anima, ma rinforza, quel male che non per forza nuoce, ma ti ricorda chi sei e da dove vieni.

Perché tanto io rinasco io rinasco
Quando sto per affogare

Da Catullo a Lucrezio

Dai versi tratti dal canto n°37 de I canti di Catullo in Caribù, all’inizio del libro II De rerum natura di Lucrezio: così Tuasorellaminore decide di chiudere Roulette Russa.

Letteralmente:

(È) gradevole, quando nel vasto mare i venti sconvolgono le distese marine,da terra guardare il grande affanno di un altro; non perché sia una piacevole gioia il fatto che qualcuno sia travagliato, ma perché è gradevole vedere da quali mali tu stesso sia libero.

Un altro modo di vedere il piacere tipico della filosofia epicurea, dal punto di vista di Lucrezio che credeva fortemente nell’aponia e nell’atarassia, il raggiungimento del benessere tramite l’assenza del dolore fisico e quello provocato dalle passioni e dalle paure. Questi versi racchiudono l’immagine bellissima dell’uomo che riesce a distaccarsi dal dolore, riuscendo a raggiungere uno stato di pace.

In Roulette Russa c’è un’anima che ha sofferto e ha deciso di puntare sul suo dolore. E come diceva De Andrè, che con le sue commistioni e la poesia epigrammatica ha segnato la storia, “dal letame nascono i fiori”, perché è nelle cose considerate più infime che talvolta si cela il segreto della vita.

Ascolta Roulette Russa di Tuasorellaminore qui:

Articoli Correlati