“Faccio da me” di Rettore e Tancredi è l’incontro di due generazioni

da | Recensioni singoli

Dopo Chimica, singolo presentato al Festival di Sanremo 2022 con Ditonellapiaga e che le ha fruttato un disco di platino, la Rettore sferra un altro colpo vincente con Faccio da Me.

Il singolo, uscito venerdì 10 giugno, è il risultato del connubio artistico tra Donatella Rettore e Tancredi. Il brano è il punto di incontro di due nomi opposti della scena musicale italiana e di due generazioni lontane, le quali si incontrano in tematiche senza tempo e sound rivisitati.

I due artisti hanno riesumato la disco dance italiana e l’hanno rivisitata, donandole una marcia moderna. La canzone ha il sound perfetto per candidarsi ad una delle hit dell’estate 2022, e questo era proprio uno degli intenti del brano. Infatti, Rettore e Tancredi hanno proprio affermato di volerci far ballare quest’estate. E che dire? Credo proprio che ci riusciranno.

Ma non lasciatevi trasportare troppo dal sound, e prestate attenzione anche al brano in sé.

Donatella Rettore torna infatti, a parlare di uno dei suoi temi più cari: l’emancipazione sessuale. Faccio da me diventa un inno al viversi la propria sessualità come meglio si crede, senza tabù e limiti. Un punto focale del brano è proprio l’intimità personale, spesso ancora percepita come un tabù, ma descritta nel brano senza imbarazzo, come un momento di dialogo con se stessi. Il brano si fa quindi portavoce di un messaggio importante, e lo fa senza malizia.

Facciamo pace
spegni la luce
e sottovoce
ti dico che
se anche stavolta
vuoi far la lotta
per questa notte faccio da me

Articoli Correlati