Giuse The Lizia ci guida ne “Il brutto del mondo”

da | Recensioni singoli

Giuse The Lizia sceglie la mezzanotte di mercoledì 20 aprile per farci conoscere Il brutto del mondo, il suo nuovo singolo.

La giovane leva di Maciste Dischi non ci fa aspettare troppo: dopo un mesetto dall’ultima uscita, Particelle, Giuse The Lizia torna con Il brutto del mondo. Il brano è impreziosito da un featuring inedito: Memento presta la sua voce per questo pezzo d’arte sussurrato.

Il brutto del mondo è il viaggio introspettivo nell’universo dell’autore, guidato solamente dalla dolce melodia di una chitarra elettrica e di qualche synth.

L’atmosfera che si respira al primo ascolto è quella rarefatta ed eterea di un paesaggio lunare racchiuso in cameretta. Quella sensazione di comfort data dal suono morbido del basso blues si sposa perfettamente con la chitarra elettrica iniziale, conferente quella vena di malinconia che non guasta mai. Menzione d’onore agli effetti sonori e ai synth, calibrati sul miglior mood lo-fi che si possa concepire.

La voce strascicata e, alle volte, graffiante di Giuse The Lizia si amalgama con quella più bassa di Memento, lasciandoci galleggiare in un orizzonte di sogni.

Come intuibile dal titolo, il brano non è sicuramente fra i più allegri dell’artista, ma lancia un messaggio di speranza. Infatti, Giuse The Lizia ci vuol dire che si può riuscire a guardare e a vivere oltre Il brutto del mondo. Gli ingredienti per superare i momenti di malinconia sono la forza in noi stessi, la capacità di fermarsi un attimo, di abbassare le spalle e di prendere un respiro profondo. E, perché no, l’amore. Che sia per noi stessi o verso un’altra persona, l’amore è uno dei sieri più potenti per planare con leggerezza sulle brutture che ci circondano.

Un solo di fiati che accompagna la strofa marcatamente r’n’b di Memento, il basso profondo e vellutato, la batteria che scandisce dolcemente il tempo: è il jazz club presente nel cuore di ognuno di noi.

Tra una copertina alla Tame Impala e uno stile contaminato dal lo-fi americaneggiante, dalla black music vecchia scuola e dal cantautorato all’italiana, Giuse The Lizia si conferma la next big thing del mercato musicale italiano.

Articoli Correlati