Maneskin e Iggy Pop, insieme per I Wanna Be Your Slave

da | Recensioni singoli

Dopo la vittoria sanremese ed il trionfo all’Eurovision, i Maneskin, hanno scalato le classifiche del globo con i singoli punta del nuovo album Teatro d’ira-Vol. I. Prima Vent’anni, poi Zitti e Buoni, Coraline, ed infine I Wanna Be Your Slave.

La band romana che già ci aveva fatto viaggiare nelle vibrazioni del rock però, decide di farci un regalo, portando in rete una versione di I Wanna Be Yor Slave accompagnata dalla celeberrima voce statunitense del re del rock, Iggy Pop

I Maneskin con il re del rock, quello di I Wanna be your dog, il Punk Daddy, insomma, chiamatelo come volete non c’è bisogno di troppe recall per capire di chi stiamo parlando. Ce l’annunciano così, pubblicando sui social un frammento della videochiamata con il rocker, sembrava qualcosa di inverosimile, ed invece, I Wanna Be Your Slave con Iggy è più reale che mai.

Esce nella mezzanotte del 6 agosto, sia in digitale che in vinile. Il quarantacinque giri sarà in edizione limitata e conterrà sia l’originale (Lato B) che la nuova versione con Iggy Pop (Lato A).

C’è una parte su cui volete che mi concentri?

Questa la frase che da inizio ad una collaborazione che resterà nella storia della musica, la band Romana sta scrivendo una nuova pagina del panorama musicale?

La risposta è senza dubbio si, infatti eccoci qua, ad ascoltare un lavoro compiuto alla perfezione con una delle personalità più eccentriche e iconiche del paesaggio musicale contemporaneo.

Iggy Pop, che con la band The Stooges, è entrato a far parte della Rock’n Roll Hall Of Fame e che di recente, ha pure collezionato un Grammy alla carriera, vanta, nei suoi 33 anni di carriera, collaborazioni del calibro di David Bowie fino ad Alice Cooper ed i Green Day, ed adesso, trova spazio pure per i Maneskin, regalandoci una versione esagerata, energica e frizzante del singolo che omaggia proprio un suo successo, I Wanna Be Your Dog. 

È stato un onore lavorare con Iggy Pop, sentirlo cantare I Wanna Be Your Slave, sapere che gli piace la nostra musica e vedere un artista del suo calibro così disponibile nei nostri confronti è stato emozionante. Siamo cresciuti ascoltando le sue canzoni ed è anche merito suo se abbiamo deciso di formare una band. È stato bellissimo avere avuto la possibilità di conoscerlo e fare musica insieme. 

Nel singolo tutto funziona alla perfezione, le voci di Iggy e Damiano si amalgamano fluide, l’energia è attiva e dinamica.

I Wanna Be Your Slave con Iggy, è il singolo che ci serviva per affrontare queste ultime giornate di lavoro nel caldo torrido di agosto, ma anche quello da cantare a squarciagola in macchina nel viaggio che precede l’arrivo.

Nelle vibrazioni energetiche rilasciate dal pezzo, l’emozione è viscerale, come se si riuscisse a sentir risuonare i battiti cardiaci, incrociarsi e abbeverarsi l’uno dell’altro.

Ma questo non mi stupisce quando si spalancano le porte del rock, l’energia è contagiosa.

 

Articoli Correlati