“Viola”, il pop punk, la nostalgia dei Blink 182, Fedez e Salmo insieme: buongiorno 2022!

da | Ott 14, 2022 | Recensioni singoli

Se avessi giocato anche solo un euro lo scorso anno l’avrei perso malamente: Fedez e Salmo insieme fa quasi accapponare la pelle, tanto quanto sentire Ignazio Benito Maria La Russa presidente del Senato Italiano. Viola è esattamente l’atto finale dei trattati di pace tra questi due blocchi di ego enormi, quali Fedez e Salmo.

Che qualcosa si stesse muovendo si era capito durante il live a San Siro di Salmo, con la gag della bottiglia spaccata in testa da Fedez al collega sardo. Viola è la punta dell’iceberg di un processo di avvicinamento tra i due che, molto probabilmente, non possiamo neanche immaginare.

Ma cos’è Viola?

Viola è la prova in saletta che fai quando torni sbronzo dalla festa delle sera prima, è il riscaldamento che fai prima di iniziare a suonare e strimpelli quello che più ti garba, come se la forma mentis musicale prendesse vita e si trasformasse in canzone.

Viola è ciò che ascoltano e hanno ascoltato i due artisti, ingerita, digerita ed espulsa. La forma decidetela voi, è innegabile fare un tuffo nella discografia dei Blink 182 (pronti per le tre date in Italia?, ndr)e di tutto il pop punk, anche se poi le carriere dei due hanno preso strade totalmente differenti.

Viola è un gioco, forse un capriccio dei due, così grandi da poter fare il ca**o che vogliono e dettare la linea, la moda, indirizzare all’ascolto. Ecco, questi due potrebbero essere capaci di far risorgere il pop punk tra la Gen Z (e gliene sarei anche grato, ndr).

Vedremo se Viola resterà un grattacielo nel deserto, oppure l’inizio di una collaborazione che porterebbe ai due, quasi sicuramente, tanti dindini. Quello che resta è il vago(?) ricordo dello scorso anno, di quando Fedez attaccò Salmo per il concerto abusivo a Olbia e il rapper sardo sentenziò così:

Non ho aderito alle tue iniziative, seppur giuste, perché mi stai sul cazzo e io questa cosa non te l’ho mai nascosta. Penso tu sia un ottimo politico, ma non volevo avere niente a che fare con te. A me sembri un politico, non sei un artista

Pace sia allora, che il pop punk sia benedetto, but what’s my age again?

Lo so non stiamo mai insieme
non ti porto rispetto
dici smetti di bere guarda come sei messo
un’altra scusa del mese
te l’avevo promesso
ti richiamerò presto

Vedremo se i due si richiameranno presto allora, intanto ascoltiamo Viola, capiamo quanto possa essere fruibile oggi, se davvero alcuni generi sono senza tempo o se bastano due tra gli essere umani più in voga in Italia per resuscitare uno stile di vita, perché, diciamolo, il punk non è soltanto un genere musicale, ma anche una tipologia di approccio alla vita.

Articoli Correlati