Gomma al Mood Social Club: tornare a pogare è una “Santa Pace”

da | #Cromosomiintour

Era il 2019 l’ultima volta dei Gomma al Mood Social Club di Rende (CS). Sono passati tre anni e moltissime cose sono successe: una pandemia che ancora non si arresta, una relazione di due anni e mezza terminata, un po’ di capelli e amici persi per strada, qualche album degno di nota, non poche delusioni e pochi picchi di estrema felicità.

Cosa è cambiato nei Gomma?

Sono decisamente più maturi, hanno consolidato la loro identità musicale. Il suono è molto più pieno, avvolgente. La batteria, a volte, ricorda quelle atmosfere a me care de Il Teatro degli Orrori. Il basso picchia giù colpi pesanti, le chitarre emettono suoni acidi acidissimi che ammaliano come le sirene con Ulisse. La voce di Ilaria risulta quasi più consapevole rispetto al passato, sicuramente diversa al mio primo contatto con la band, in quell’Ex Dogana a Roma non pochi anni fa.

Foto di Aldo Torchia

Un live dei Gomma è esperienza da consigliare a tutti, specie a chi ancora a restìo a stare tra la folla. I loro concerti sono sinonimo di contatto, sudore, birre e gin tonic che traballano nei bicchieri, quel pogo che aumenta di brano in brano, fino ad esplodere nel finale. Ecco, i Gomma sono quel contatto con la realtà che facciamo fatica a recuperare.

Foto di Aldo Torchia

Zombie Cowboys è il lavoro della maturità artistica, di quel post punk cupo ed emotivo che fa ti abbraccia e poi ti prende a spallate senza chiedere il permesso.

Non smetterò mai di oscillare come un pendolo ai live dei Gomma durante l’esecuzione di Elefanti, ne sono certo. Forse perché proprio come fanno gli elefanti, mi nascondo quando sono felice, come se dovessi difendere quel momento dagli altri. Ecco perché, durante l’esibizione, ho scelto un posto meno affollato per urlare a squarciagola e muovermi male, ero felice.

Potrei dirvi di più, invece no. Andate ai concerti, godeteveli, non fateveli raccontare.

Grazie Gomma, la Calabria aveva bisogno di pogare e voi avete il certificato di pogo assicurato. Grazie ai Rea che hanno aperto la serata, alzando decibel e temperatura all’interno del locale.

A presto!

Articoli Correlati