Lettera al “Signor Prefetto”: l’autenticità della Lovegang126 é anni 90

da | Recensioni singoli

Annunciato e pubblicato, Signor Prefetto è il nuovo singolo dei Guasconi, prodotto da Drone 126 e Nino Brown, che vede approdare per la primissima volta la LOVE GANG come intero sulle piattaforme digitali. Dalle basi di un sound Jazz alle radici di uno più anni 90, Signor Prefetto è la rappresentazione dell’autenticità musicale dei Guasconi

Ladies and Gentleman ecco a voi i Guasconi!

Non hanno bisogno di presentazioni o di fare hype per intasare le cuffie e risalire le classifiche, i Guasconi sono l’autenticità anni 90 che manca ad una buona parte del panorama musicale odierno e Signor Prefetto ne è la conferma.

Infatti nonostante fossero passati anni dalle ultime collaborazioni della Love Gang per intero, l’evoluzione musicale ed artistica che è andata a coinvolgere i singoli membri del gruppo, non è andata a distorcere o invalidare il suono e l’attitude che conoscevamo, ed in un panorama dove è sempre più facile venir riclassificati con un etichetta di genere al primo mutamento stilistico, i Guasconi restano il sigillo di garanzia per chi ancora crede nella coerenza stilistica musicale d’artista.

E’ un singolo che va giù tutto d’un fiato, come l’ultimo bicchiere della bottiglia

Come dicevo pocanzi, Signor Prefetto è un manifesto anni 90, sia di genere che di radice. Infatti si presenta come un flusso di coscienza dove, della necessità di un ritornello a spezzare, non se ne sente proprio il bisogno.

Le rime sono taglienti e provocatorie, inveiscono contro una società perbenista raccontando quello che solitamente viene nascosto o rielaborato delle telecamere dello sguardo

Non ci sono mezzi termini o sincerità velate da dover snocciolare, Signor Prefetto fa un po’ come gli pare, cambia scenario in continuazione, cambia il modo di raccontare, passando dall’ironia pungente e viscerale di Pretty Solero, all’introspezione bilanciata per estremi di Ketama. Le verità di satira di Asp, le immagini di Franco, le rime crude del Bebbo poi, conferiscono al brano quella policromia che lo va ad elevare.

Signor Prefetto é il Punk del Rap

E’ un retroscena di vita vera, quella da backstage, dove ti senti libero di parlare con il linguaggio che meglio ti rappresenta, senza preoccuparsi delle luci, dello spettacolo, della scaletta, la Love Gang non parla di rispetto, lo ha.

Dall’alto San Calisto veglia sopra ‘sti pischelli

126 è una promessa stretta tra fratelli

Articoli Correlati