TVB di Mobrici: ecco la sua rinascita

da | Recensioni singoli

Mobrici è pronto al suo ritorno, stavolta come solista e non a caso, il suo nuovo singolo TVB è attesissimo.

TVB, il nuovo brano in uscita il 26 marzo. Mobrici ricomincia a scrivere, a cantare, pur non dimenticando da dove è partito. E’ lo stesso concetto che ritroviamo espresso nel suo nuovo singolo; inizia con un semplice ci risiamo e ci troviamo immersi in un mare di emozioni.

Si parla di una storia d’amore, tratta della quotidianità, della routine, delle difficoltà e dei difetti dell’altro che tante volte sono le cose che più ci piacciono. L’amore di cui raramente si tratta, quello che dura da una vita.

Mobrici parla delle cose più irrilevanti, dei dettagli, le cose che nessuno nota ma che in una storia d’amore diventano fondamentali. “Hai finito le mie patatine” sembrerebbe essere l’incipit di un litigio, ma non è così, infatti subito dopo si dice “hai ragione anche tu.”

Il testo è bellissimo, il rapporto tra i due è quasi fraterno al punto tale che il TVB viene prima del ti amo. Due persone che si conoscono completamente, che conoscono e sopportano i difetti dell’altro scherzandoci su, che hanno timore per l’altro “ma dimmi adesso come fai a tornare”.

 Giurami che resti capace di rimanere felice anche se la nostra storia dovesse finire,

tipo davanti a un bicchiere quando ti metti a parlare mi dici cosa non va.

Ben lontano dalle promesse banali che siamo soliti fare, dai ci sarò sempre, ha l’aria di essere una dichiarazione d’amore d’altri tempi, sintomo di un affetto che è in grado di superare il tempo, lo spazio e perfino la fine di un rapporto. Il bene che non verrà distrutto così facilmente e soprattutto, la promessa di dover essere felici nonostante tutto.

E’ questo il motivo per il quale si parla di bene e non di amore, perché per Mobrici sembra racchiudere un’accezione molto più ampia. Nel suo mondo di parole è tutto giustificato da un’unica frase, che ritroviamo nel ritornello “perché ti voglio bene” e questo dovrebbe già bastare.

Si parla della lontananza legata a motivi lavorativi, gli impegni che sembrano prevaricare su tutto il resto, dei momenti difficili : “sei troppo impegnato a suonare”. Ma il suo intento sembrerebbe essere solo uno: rassicurare la sua lei, perché “ ti sogno anche quando sono lontano.”

 Ti voglio tanto come nessuno ha mai scritto

Come nessuno ha mai pianto

come nessuno mai.

Parole belle, che all’interno di una canzone danno un’emozione fuori dal comune. Parole che si allontanano da ogni tipo di banalità e che potrebbero sintetizzare un’intera storia d’amore come solo le parole sanno fare.

Articoli Correlati