Agg perzo ‘o suonno è il nuovo featuring di Neffa e Coez

da | Recensioni singoli

Il ritorno in scena piace a tutti (o quasi), ma a qualcuno un po’ di più. Dopo circa due anni di quiete discografica, Neffa propone il suo primo pezzo con un tocco campano, Agg perzo ‘o suonno.

Un bell’omaggio alle sue origini scafatesi, che non rinnega mai. Neanche quando ti trasferisci a Bologna da bambino e decidi di rimanerci per sempre. L’amore, sempre l’amore. L’amore, sempre lontano, quell’amore capace di far perdere il sonno, o più semplicemente Agg perzo ‘o suonno.

Tu nun chiamme maje

Tu nun scrive cchiù

Aggio perzo ‘o suonno

Aggio perzo ‘o suonno

Fine dell’anonimato?

Davvero questa musica e queste parole non ci ricordano Liberato? Continua il mistero attorno all’anonimato. Che il silenzio di Neffa, cresciuto a pane e hip hop, non fosse vero silenzio? Magari era ghostwriting/ghostsinging. Magari è solo un bellissimo film che vorremmo vedere. Eppure l’amore non (più) corrisposto ricorda tanto quello cantato da Liberato.

Tu ca si’ ‘na luce ca voglio veré

Tu ca già ‘o ssaje buono comme so’

Tu ca già me tiene si me vuò

Tu ca si’ ‘na voce ca nun vò parlà

Tu ca si’ ’n’abbraccio ca nun cerca a me

Tu si’ comm’a fin’e chesta notte

Ca nun vene pure si esce ‘o sole

E non dimentichiamoci di quel romanticone di Coez, che ha tanto in comune col nostro Neffa. Anche originario della provincia di Salerno, trasferitosi però a Roma. E anche lui, a quanto pare, soffre sempre come un cane per qualcuno.

E non capisco come

Come fai a lasciare tutto dietro

A seppellirmi sotto un come stai come stai?

E io rispondo senza dire mai il vero

E tu lo fai senza parlare davvero

Il tempo che non ci resta

E si spreca ancora tanto tempo mentre qualcuno ci balla attorno per poi allontanarsi. “Un continuo testa a testa che mica ci avvicina” e, minuto dopo minuto, questo tempo finisce.

E si chiude di nuovo il sipario. Si spengono le luci. Siamo di nuovo al buio.

Agg perzo ‘o suonno.

Articoli Correlati