“Parlami di Dio” e dimostrami che noi non siamo Tutti Fenomeni

da | Recensioni singoli

Parlami di Dio è il nuovo singolo di Tutti Fenomeni, cantautore e rapper romano classe 1996, firmata da 42 Records/Sony Music Italia.

Non si scioglie l’assetto fenomenale di Merce FunebreTutti Fenomeni scrive, Niccolò Contessa produce. Arriva Parlami di Dio a farci staccare la spina per qualche minuto, tra Dpcm e colori regionali, tra nuove chiusure fino al 2021 ed una crisi di governo da scongiurare.

Bisognava attendere la fine di quest’anno di merda per ricordarci che la musica può ancora regalarci delle chicche, delle piccole gioie che ci mancano dallo spettacolo offerto da Achille Lauro allo scorso Sanremo. Ho prestato attenzione, dopo dieci ascolti in loop senza pensarci, al videoclip presente sul Tubo.

Ricordate Discoteca Labirinto dei Subsonica?

Bene, la fine del 2020 ci porta tranquillamente a San Gregorio Armeno, in barba agli spostamenti vietati tra regioni di colore diverso. Il videoclip di Parlami di Dio ci trasporta in un nuoco concept di discoteca: la Discoteca Presepe di Tutti Fenomeni.

Apparantemente può risultare un minestrone di quelli indigesti, che generalmente frullo perché a 31 anni non sono capace di mangiare quell’ammasso di verdure tutte insieme.

Bisogna prestare attenzione, ascoltare i suoni, badare alle parole, destrutturare il testo, rimontarlo nel contesto che più ci aggrada.

Io l’ho fatto ed è venuta fuori che Parlami di Dio sarà la colonna sonora delle feste natalizie che non avrò.

Bonjour, bonsoir
Tutti parlino di meno
Sulla barca di Dio sono un remo
Non manco a nessuno
E nessuno mi rispetta
Parlami di Dio
Alla tua festa (Baby)

Ci sono versi in questo brano che non lasciano indifferenti. Palesano un disagio avvolto da sacralità e profanità, caramellato dai synth usati da Tutti Fenomeni.

Parlami di Dio
Beppe Vessicchio e Bebe Vio
Il decreto di Conte l’ho letto anch’io
Nun te reggo più
Nun te reggo anch’io
So la nostra affinità
Non ha grande utilità
Parlami di Dio, sexy girl (Je me reveille, adieu)

Non badate ai significanti, concentratevi sui significati. Gli elementi trash sono del tutto voluti, fanno parte di un’accurata ricerca di elementi presenti nelle nostre vite.

Il nostro abitudinario è su quell’arca, qualcuno sprofonda e difficilmente ci mancherà.

Parlami di Dio oggi e sempre, Tutti Fenomeni è il nostro profeta.

P.S: Buon compleanno Gesù, seppur con qualche giorno di anticipo!

 

 

Articoli Correlati