Teniamo la presa, proprio come fa la Morsa di Bianco e Dente

da | Recensioni singoli

Morsa è un inno alle persone che abbiamo intorno. È un promemoria che ci ricorda che non siamo soli ed un invito a salvarci a vicenda.

Dalla collaborazione di Bianco e Dente nasce Morsa, un brano in perfetto equilibrio tra immagini chiare e metafore. In una parentesi storica caratterizzata dal distanziamento sociale, la tendenza ad isolarsi è molto presente. L’altro diventa, prima di ogni altra cosa, un pericolo.

Morsa arriva per ricordarci quanto questo sia sbagliato. È un promemoria, ma è soprattutto un invito perché una delle cose più tristi che possa capitarci è la perdita della nostra natura sociale. Quindi teniamoci per mano, non importa se per farlo dobbiamo metterci i guanti.

La protagonista di Morsa è una ragazza alla soglia dei trent’anni, con le ginocchia sbucciate e le calze a rete.

Si porta dietro tutte le fragilità del passato, quelle che sarebbero dovute scomparire magicamente con la crescita; del resto è solo inquietudine giovanile.  A trent’anni smetterai di odiarti e di cadere, mentre invece la protagonista del brano, come molti, ha ancora le ginocchia sbucciate ed è ancora intrappolata dentro i suoi cliché. E tutto ciò la sta soffocando.

Tragico, vero? Ma non così tanto, se si pensa che non si è soli ad affrontare tutto ciò. Il messaggio del brano infatti è estremamente positivo, come la melodia allegra ci lascia intendere. Sono le persone che ci vogliono bene, insieme alle piccole cose, a salvarci.

Una canzone alla radio, un film alla TV
Una notte d’amore e i tuoi capelli blu
Un amico che torna e non ti lascia più
Chi ti vuole bene e chi di più
Se uno sta male gli altri lo vanno a salvare

Che tu sia in mezzo al mare, che tu abbia perso il lavoro o tu abbia il cuore spezzato, avrai sempre qualcuno che ti verrà in aiuto.

Quando vorrai stare solo senza essere abbandonato, quando costruirai muri intorno a te, ci sarà sempre qualcuno che terrà la presa, proprio come una morsa. Del resto il ritornello del brano canta proprio questo: “Se uno sta male gli altri lo vanno a salvare”.

In mezzo al mare, gli altri lo vanno a salvare

Senza il lavoro, gli altri lo vanno a salvare
Del compro oro, gli altri lo vanno a salvare
Si spezza il cuore, gli altri lo vanno a salvare
Con le parole, gli altri lo vanno a salvare
Quando ha fame, gli altri lo vanno a salvare
Anche se piove, gli altri lo vanno a salvare
E ogni volta che cade, gli altri lo vanno a salvare

Morsa è una canzone da canticchiare per strada con leggerezza, quando si è sovrappensiero.

Un messaggio del genere non ha bisogno di giri di parole o di complessi livelli di comunicazione. Non ha bisogno di postille o note scritte in piccolo. Deve però essere cantato in ogni situazione a cuor leggero, fino a diventare un mantra.

Articoli Correlati