CARA ritrova i pezzi “Verso casa”

da | Apr 2, 2024 | Recensioni singoli

Verso casa (RayDada/EMI Music) di CARA (all’anagrafe Anna Cacopardo) si aggiunge alla lunga lista di singoli usciti alla mezzanotte di venerdì 29 marzo su tutte le piattaforme. Correva l’anno 2020 quando la cantautrice cremasca scalava le classifiche con il singolo ultra-certificato “Le feste di Pablo” in collaborazione con Fedez

Sebbene la primavera del 2020 fosse stato un periodo tutt’altro che roseo, e il brano parlava essenzialmente dell’immaginazione come ancora di salvezza da una realtà scomoda, il pezzo fresco di uscita annata 2024 sembra prendere una piega diversa, più matura e introspettiva.

L’artista classe 1999, a seguito di un apparente pausa dai riflettori, è cresciuta e con lei anche il suo modo di fare e di vivere la sua musica: 

Verso casa si presenta come la somma di una generosa dose di riflessione mista alla volontà concreta di fare ordine interiore.

Mi sono vista dentro a una lente d’ingrandimento

Anna fa i conti con la bambina interiore del passato, mettendo a fuoco esitazioni, passi falsi e passi in avanti. La cornice di tutto è la pulsante Milano, che corre incessantemente e combatte ostinatamente contro il tempo, la città delle sensazioni contrastanti che traballano tra incertezza, solitudine, follia e (perché no) speranza. 

Si sa, la metropoli inghiottisce e non chiede scusa: Verso casa non pretende di essere un manifesto generazionale, ma riesce ad abbattere ogni fragilità collettiva e invita ciascuno di noi all’attesa, alla caparbietà, all’hic et nunc. È più che altro un dialogo a tu per tu con il proprio io, in cui ognuno può rivedersi apertamente.

I tuoi occhi lucidi
Guardali adesso litigare col vento
E Milano che sta impazzendo

Con la testa bagnata andiamo verso casa
Chissà come mai aspetti sempre la fine
Per metterti a ridere

L’outro dona il giusto tocco di sollievo finale, che va ad anestetizzare la malinconia e il malessere iniziali. CARA si rivolge ad Anna del passato, chiudendo in qualche modo un loop fino ad ora irrisolto.

Sotto quei portici
Ero io a urlare
Anna non ti fare più del male

Verso casa è solo l’inizio del nuovo viaggio di CARA: avere 25 anni a Milano può molto spesso essere complicato e può non farci sentire altrettante volte all’altezza. Eppure, la città nella sua “scomodità” può anche trasformarsi in una fidata zona di comfort, a voi la scelta!

La Playlist di Cromosomi