Concerti evento: favorevoli o contrari?

da | Mar 30, 2024 | News

I concerti rappresentano da sempre la dimensione più emotiva della musica: l’energia e la presenza dell’artista sul palco, si fondono a quella del pubblico, regalando momenti di connessione senza eguali. Ma nel 2024 è davvero sempre così?

Oggi l’esperienza del live non è sempre immersiva come dovrebbe.

L’essenza del live negli ultimi anni ha subito una trasformazione totale, anche grazie alla forza dei social network. Ci guardiamo attorno e talvolta sembra che le persone stiano iniziando ad accontentarsi: la bellezza del concerto in sé passa a volte in secondo piano, l’obiettivo diventa essere presenti fisicamente al concerto per poter pubblicare una story su Instagram, piuttosto che per partecipare attivamente al concerto.

Il famoso “Io c’ero” diventa il focus di ogni nostra pubblicazione social e i concerti non sono certamente esclusi da questo discorso.

Possiamo affermare con serenità che il mondo social e la necessità di esistere online, superano, a volte, la voglia di esistere davvero nella realtà; di essere persone fisiche che si emozionano ad un concerto, che hanno il desiderio di connettersi agli altri, che si lasciano trasportare dalle luci e dai suoni circostanti.

In un mondo estremamente veloce, senza certezze, né rimedi, una cosa rimane immutata: la meraviglia intrinseca dei concerti live. Ma come possiamo percepire questa bellezza tangibile se il contatto artista/pubblico è inesistente?

Parliamo così della definizione di Concerti evento: tante, troppe anime in movimento dentro ad un palazzetto, artisti spesso distanti e inaccessibili, schermi giganti che trasmettono lo show allontanando il pubblico dall’artista. E a noi cosa rimane dell’esperienza live? Forse un post sul feed di Instagram.

Sono però le persone che scelgono autonomamente di fruire di questo servizio, accettando il compromesso della lontananza emotiva dal live.

A volte il prezzo dei biglietti ai concerti supera cifre altissime per offrire uno spettacolo mediocre, visto da occhi troppo lontani, senza coinvolgimento.

E’ decisamente arrivato il momento di riflettere su cosa rende speciale un concerto, ritornare in noi e apprezzarne l’autenticità.



La Playlist di Cromosomi