L’anima tormentata di un Blanco “Innamorato” torna a farci compagnia

da | Apr 14, 2023 | In Evidenza, Recensioni album

Il ragazzino bresciano che avevamo lasciato a Sanremo 2023 con un po’ di amarezza, risantifica la sua immagine e ci regala Innamorato, disco che decide di festeggiare nella sua amata Roma, nei pressi di Castel Sant’Angelo, insieme agli amici Michelangelo, Mahmood, Shablo e molti altri. Fuori oggi in digitale su tutte le piattaforme per Island […]

Il ragazzino bresciano che avevamo lasciato a Sanremo 2023 con un po’ di amarezza, risantifica la sua immagine e ci regala Innamorato, disco che decide di festeggiare nella sua amata Roma, nei pressi di Castel Sant’Angelo, insieme agli amici Michelangelo, Mahmood, Shablo e molti altri.

Fuori oggi in digitale su tutte le piattaforme per Island Records / Universal Music Italia, il nuovo album di Blanco, anticipato dal successo del singolo L’Isola Delle Rose, certificato disco di platino.

Sapevamo sarebbe tornato in grande stile e, a farcelo credere, era stato Il Messaggero, il quale aveva annunciato, giorno 10 marzo, la collaborazione dell’artista con una delle voci più amate e invidiate del panorama musicale italiano: MINA. La Tigre di Cremona, infatti, l’anno scorso, aveva fatto intendere, per mezzo del figlio Massimiliano Pani, che Brividi si era aggiudicata un posto nel suo cuore. E, proprio grazie a Pani, produttore della madre da tempo, Blanco era riuscito a far arrivare il suo singolo a Mina, la quale non aveva esitato a dire di sì.
Unica collaborazione del disco, questa, che ha svegliato la curiosità dei fan già da diverse settimane e che ha alzato le aspettative verso questo nuovo progetto.

Prospettive deluse o confermate?

Purtroppo non c’è spazio per i “rosiconi” in questo articolo. Un briciolo di allegria si conferma un singolo assolutamente in stile Mina, che esalta non solo la voce della leggenda lombarda, ma anche le doti canore di Blanco, il quale si affianca bene e prepotentemente nel ritornello del brano.

Sono veramente felice di questo duetto, per me è un grande onore. Mina è la regina della musica italiana e la stimo moltissimo. Il fatto che abbia deciso di realizzare un pezzo con me, offrendomi una grande opportunità, fa capire subito quanto sia moderna e attenta alla musica di adesso

Ancora autenticità

In Innamorato (cover realizzata da uno scatto di Chilldays nel deserto boliviano Salar de Uyuni),  Blanco si spoglia, ancora una volta, di ogni sovrastruttura e sceglie di raccontarsi con l’autenticità e la trasparenza che lo hanno sempre contraddistinto, dipingendo un ritratto disarmante del suo mondo.
12 pagine di un diario in cui l’artista plasma ed affronta nuove esperienze, cambiamenti e scoperte. Lo fa attraverso il filtro della sua generazione, con una visione estremamente saturata su ciò che lo circonda e vivendo con carnalità ogni sensazione.

“Amore” in più vesti

Con un titolo come quello scelto da Riccardo Fabbriconi non si poteva che finire nei sentimentalismi. L’amore torna ad essere protagonista dei versi di Blanco che, questa volta, lo racconta sotto diverse sfumature: passionale, esplorato nelle sue diverse fasi, il legame con la propria famiglia (La mia famiglia), la devozione all’arte e alla musica, lo stupore e l’incredulità verso le cose più semplici.

Lacrime di piombo, Innamorato e Fotocopia sono i tre titoli che maggiormente racchiudono tutta l’esplosività, il desiderio e la malinconia di questo secondo album dell’artista.

Giulia

“Dividiamoci le colpe”
“Sembro io il farabutto dopo che ti ho dato tutto”

La chiusura di un cerchio e la verità sottoforma di parole. Giulia: un amore finito con cui fare i conti, spesso raccontato dai media nazionali, capaci di distorcere parole ed intenzioni. Blanco, adesso, vuole dire la sua, questa volta in musica, come ha sempre dimostrato di voler comunicare.

Vada come vada

Continua il sodalizio con Michelangelo che ha curato le produzioni del disco, con beat e strumentali che spaziano tra universi sonori differenti: dall’elettronica più scura al mondo del funk fino all’utilizzo di synth e sonorità che si rivolgono agli anni ’80, sottolineando la versatilità stilistica del cantautore. Blanco, dunque, resta legato alla sua squadra, ai suoi valori, alla sua vita fatta anche di “quei momenti di noia” che la rendono perfetta nella sua semplicità. Quei momenti “sopra un motorino in quattro e nessuno con il casco” perchè “vada come vada, ciò che conta è non dimenticarsi di sé stessi.

La Playlist di Cromosomi