Il live di Tatum Rush è un party imprevedibile

da | Gen 19, 2023 | #Cromosomiintour

18 gennaio 2023. Eccoci qui con altro appuntamento del format di eventi Caramello all’Arci Bellezza di Milano. Quale miglior modo per spezzare il mese più infinito dell’anno (se non erro siamo al giorno centordici gennaio) se non con una data del tour Villa Tatum di Tatum Rush?

Da Tatum Rush, artista dalle millemila sfaccettature e influenze geografiche e culturali, ci si può aspettare di tutto.

Eppure l’immaginazione difficilmente potrebbe arrivare a costruire uno scenario simile a quello vissuto ieri sera. Sarà dovuto alle sue origini che spaziano dall’Italia alla Svizzera, fino agli Stati Uniti, o alla sua formazione come performer a tutto tondo, ma una cosa è certa: il live di Villa Tatum è imprevedibilità pura.

Tatum Rush, “Il Grande Gatsby dei laghi svizzeri”, sfoggia i suoi assi nella manica e fa interagire sul palco durante tutto il concerto parte della sua ciurma composta da personaggi fuori dal comune.

Si tratta di Aisha Sparkles, performer e figlia di un miliardario di Montreaux; per non parlare di Rich Richardson, performer e critico d’arte che balla con un’intensità soprannaturale. Ad accompagnare il tutto ovviamente una band energica formata da percussioni e chitarre.

Il live inizia con Ringflash e l’atmosfera si scalda immediatamente. Le sonorità eleganti, ma al tempo stesso sensuali, riempiono la sala del Bellezza. Ogni brano aggiunge un tassello in più al viaggio mistico ed esotico di Tatum Rush e del suo gruppo di performer.

Da Gipsy Queen a Big Mama, fino ancora a Dalla, l’immaginario metafisico di Giordano gradualmente prende forma, tra quattro chiacchiere, scambi di battute con il pubblico, e, decisamente molti balli scatenati.

Il picco di introspezione, invece, viene raggiunto durante l’esecuzione di Lulu. La testa viaggia nell’universo caleidoscopico di Tatum Rush e vaga per mete inesplorate. Bisognerebbe sempre sentirsi così durante un concerto.

Il rapporto d’intimità che si instaura tra l’artista e il pubblico è uno dei punti cardine del live, al punto che durante Barbarella un fan viene chiamato a intonare sul palco il ritornello. Tatum Rush sa bene quello che fa e sa altrettanto bene come crearsi una fanbase solida, fedele. Il palco è il suo habitat naturale.

Il live di Villa Tatum è liberazione, trasgressione, è anticonvenzionale e non banale. Tatum Rush ci porta in giro per il mondo e ci fa vivere più epoche in una sola notte.

Articoli Correlati