Diodato si traveste da 007 con il nuovo singolo Se mi vuoi

da | Nov 23, 2022 | Recensioni singoli

Diodato non smentisce la sua intensità testuale e comunicativa con l’ultimo singolo dal titolo Se mi vuoi, in uscita il 18 novembre.

Immediata è la dirompenza del brano, per l’arrangiamento strumentale fortemente narrativo, carico, dinamico e deciso. Il pianoforte inizialmente fa da padrone, come prerogativa di Diodato vuole, per poi aprire la scena ad un tripudio di strumenti. È il risultato della sinergia con i musicisti e compositori Pivio & Aldo De Scalzi, storici collaboratori della regia Manetti Bros.

Il testo, chiaramente, non è da meno; riesce a guidare l’ascoltatore in modo limpido e lineare, come ad accompagnarlo in un percorso. Che si sia consueti ascoltatori di Diodato o meno, non ci si può esimere dal fare proprie le parole e le immagini evocative che ne conseguono del testo di Se mi vuoi.

Guardami
Come soltanto tu
Tu che sai brillare nel buio
Continua a chiamarmi dal buio
Sarai questo bruciare per sempre
Questo crimine della mia mente
Più sei vicino e più capisco
Che tutto è tutto ciò che rischio

Il buio, il crimine, il rischio…la scelta della terminologia non è per nulla casuale, è mirata ad un obiettivo specifico: catapultare l’ascoltatore in un mondo preciso, in un set, nel bel mezzo delle azioni sceniche di una fitta e intensa trama.

In poche parole, il brano nella sua interezza di testo e musica sembra cucito appositamente su di un film come colonna sonora. Non ci si meraviglia dunque quando si scopre che Se mi vuoi sia proprio la Colonna Sonora Originale di Dibolik – Ginko all’attacco!, nelle sale cinematografiche dal 17 novembre.

Non è la prima volta per Diodato ricamare la propria produzione musicale per un set cinematografico, era già accaduto nel 2019 con Che vita meravigliosa, colonna sonora del film La Dea Fortuna di Ferzan Özpetek.

Il nome dell’album che contiene il singolo inedito Se mi vuoi prende proprio il nome dall’omonimo titolo del film  Diabolik – Ginko all’attacco! .

Diodato, infatti, ha dichiarato:

la stesura di questo pezzo mi ha dato la possibilità di affondare le mani nella mutevole materia del desiderio, di provare a tracciarne i chiaroscuri, a delineare i sussulti di una fiamma che brucia.

Non ci resta che ascoltare quindi Se mi vuoi, immergersi nelle immagini che sapientemente Diodato è stato capace di regalarci tramite l’ennesimo esercizio stilistico verbale ben riuscito.

Articoli Correlati