Il primo Amarcord di Mameli non si scorda mai

da | Recensioni album

Amarcord esce il 30 ottobre, nel bel mezzo di questo autunno che rimane sospeso ed incerto come tutto il resto di questo 2020.  E Mameli ci regala suoi ricordi.

In questa giornata grigio-autunno vi racconto di Amarcord, o come lo direbbero in Romagna “A m’arcord!” (Mi ricordo), il primo disco di Mameli, uscito ieri, il 30 ottobre.

Il primo ascolto avviene di mattina. Mentre riscaldo l’acqua per il ginseng i pensieri iniziano a vagare ancora un po’ addormentati, e l’album scorre nella cassa amplificata riempiendo questa piccola casa piena di me e di ricordi vari. Proprio come canta Marco in Sopra di Me

Guarda il cielo sopra di me, c’è un bel sole quando ti penso

i pensieri saltano nei volti dei ricordi o delle speranze di storie che non finiscono esattamente come avremmo voluto. E affacciandomi alla finestra abbozza una smorfia di sorriso ripensando a bei momenti.

Perchè è questo quel di cui parla Amarcord. Parla di un amore passato ma senza pensarvi e distruggervi nelle viscere, oh no. Parla di quegli amori che ti lasciano un poco di amaro in bocca, come quando per la prima volta assaggi un limone e fai quella smorfia accartocciata seguito da un sono BLEAH! ma che appena passa vuoi riassaggiarlo sapendo che comunque non ti piacerà il risultato.

La seconda traccia è la stessa che cede il nome all’album, Amarcord, ed è come sfogliare un vero e proprio album fotografico di ricordi, guardando i viaggi a Barcellona, le dormite in taxi e l’Olanda. Con un po’ di rammarico sai che non tornerà più nulla di tutto quello perché

non siamo più di moda.

I ricordi si trasmettono con immagini e con odori. Come diceva Andy Warhol “Nulla è più forte di un profumo per ritrovare un ricordo” o qualcosa del genere insomma. Ed è di profumi legati ai ricordi che parla Borotalco, con il feat di Lorenzo Fragola (altro inguaribile romantico).

Ma poi ancora, ve le ricordate le abitudini strambe di qualche vostro ex-partner? Io me lei ricordo tutte. Alcune buffe, altre mi facevano innervosire, altre ancora le trovavo dolci. Buoni x nulla canta proprio dell’incontro delle abitudini di entrambe le parti che talvolta non si riescono ad incastrare, come quando la sua realtà entra nella mia e

E poi mi dici che non ti piace la musica che ti faccio ascoltare. Ne fumo un’altra ma non t’incazzare, ho sempre fatto ciò che mi pare.

Ci state ripensando anche voi vero? So che state facendo il paragone col vostro passato, col vostro trascorso, e vi si rannicchia una smorfia di sorriso lì in quell’angolo delle labbra.

Mi fa sempre sorridere questa cosa che, come troviamo in Record 

la testa è una giostra e tu il gettone per salirci su

che la nostra testa parte a muoversi ogni volta che sentiamo qualche riferimento che colleghiamo subito a quel nostro qualcuno che mette in movimento le giornate e i pensieri. Come se fosse il motore del nostro piccolo cosmo. E poi realizziamo che Non ci sei più. Le cose prendono il loro corso nella vita, nascono per creare felicità ed emozioni e si spengono per non esserci più.

Arriva poi quel momento in cui ti dici che non ci vuoi più cascare. Non vuoi più crearti quelle illusioni idealizzate che disegnano la perfetta immagine che ci siamo creato dell’altro. Quell’immagine che non ci fa vedere i difetti, le imperfezioni, e che qualsiasi cazzata dica il nostro partner per noi era oro colato, e che le puzzette che faceva profumassero di acqua alle rose. E come un valzer romantico (ma non troppo) Anche quando fuori piove ci fa cantare un po’ a squarciagola. E poi il colpo di scena. Alex Britti che ritmico incalza

Ma, quelle parole che danno fastidio, che vanno a segno però non in video, fatte di polvere, veleno e sale, che fanno bene anche quando fanno male. Parole dette di mattina da te che sei il male e anche la medicina.

E ancora malinconiche passano Argomento triste e Maniglie, perché alla fine siamo tutti un po’ sottoni, un po’ nostalgici. Fino ad arrivare a Futuro, brano che chiude questo album è questa storia finita.

Domani saremo diversi.

Articoli Correlati